Bonus Mamma Domani 2021: come richiedere all’Inps, requisiti e importo

Bonus Mamma Domani

Dal 4 maggio è possibile presentare la domanda per richiedere all’Inps il Bonus Mamma Domani 2021 destinato per la nascita, per l’adozione o affidamento di un minore. Tale bonus rappresenta una novità della legge di bilancio per aiutare le neo famiglie dell’anno 2021. Nel decreto varato viene chiamato “premio alla nascita” e prevede nello specifico un buono da 800 euro che l’Inps corrisponde in un’unica soluzione e in relazione da ogni figlio nato, adottato o affidato dal 1 gennaio.

Vediamo ora con attenzione i dettagli tecnici – come richiedere all’Inps, i requisiti e l’importo – per il bonus mamma 2021.

Bonus Mamma Domani 2021: a chi è rivolto?

Il Bonus Mamma Domani è rivolto a tutte le gestanti che:

  • hanno residenza in Italia;
  • hanno cittadinanza italiana o comunitaria. Le donne non comunitarie, ma possedenti dello statuto di rifugiato politico sono equiparate a quelle italiane;
  • per le cittadine non comunitarie in possesso del permesso di soggiorno UE di lungo periodo o di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadine UE previste dal D.L. 30/2007.

Nella domanda per richiedere il Bonus Mamma 2021 va specificato l’evento per il quale si richiede il tale beneficio. Nel dettaglio:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • nascita, anche se questa è antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del bambino – nazionale o internazionale – disposta con una sentenza definitiva;
  • affidamento preadottivo – nazionale o internazionale – disposto con ordinanza.

Come richiedere il Bonus Inps “Mamma Domani”

La domanda da presentare per richiedere il Bonus Mamma 2021 va esclusivamente inoltrata per via telematica sul portale www.inps.it.

I servizi sono accessibili nei seguenti modi:

  • WEB: attraverso il servizio telematico accessibile al cittadino tramite un PIN. Specificatamente: collegarsi al sito www.inps.it andare nella sezione “servizi online”. In seguito andare su quella “servizi per il cittadino”; qui va inserito il pin di cui si parlava per entrare nella sezione. Da qui si va a “domanda di prestazioni a sostegno del reddito” e infine nella sezione “nascita”;
  • Contact Center Integrato; si può contattare il numero verde gratuito da rete fissa: 164, oppure il numero 06 164.164 che prevede – da rete mobile – la tariffazione a carico dell’utenza chiamante;
  • Attraverso i servizi offerti dagli Enti di Patronato.

Nel sito dell’Inps è comunque disponibile un modulo facsimile al fine di agevolare l’utente nella compilazione della domanda.

Requisiti e documenti da presentare per il Bonus Mamma 2021

Il cosiddetto “premio alla natalità” può essere richiesto da tutte le donne che hanno partorito nel 2021 – entro un anno – ma anche quelle che sono in “dolce attesa”. Oltre a queste, possono richiedere il bonus anche le mamme adottive – come si è visto – con sentenza definitiva o coloro le quali hanno un bambino in affidamento.

Per richiedere il bonus non sono previsti limiti di reddito, pertanto non è necessario presentare il modello Isee.

I documenti necessari per la domanda presentava dopo il compimento del 7° mese sono:

  • certificato di gravidanza in originale o in copia autentica – in busta chiusa per tutela dei dati sensibili – consegnata direttamente allo sportello oppure spedita attraverso raccomandata. Nel dettaglio nella busta va riportato il numero di protocollo e la dicitura seguente: “Documentazione domanda di Premio alla Nascita –-certificazione medico sanitaria”;
  • indicazione del numero del protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN. Questo può anche essere rilasciato dal medico convenzionato ASL.
  • È possibile – per le future mamme non lavoratrici – al posto del certificato di gravidanza, indicare il numero identificativo a 15 cifre di una prescrizione medica. In aggiunta a questo va indicavo il codice esenzione compreso tra M31 e M42 incluso.

L’Inps provvederà poi a verificare la veridicità delle autocertificazioni.

Nel caso in cui la domanda si compila dopo il parto, la madre del nascituro deve autocertificare nella domanda il codice fiscale delle stesso. È richiesta – in caso di parto plurimo – l’indicazione di tutti i nati in quanto la possibilità al bonus – come già indicato – è riconosciuta per ogni minore nato.

In caso di adozione, o affidamento, si rimanda alla circolare INPS n.47/2012 par. 2. Se nella domanda non si allega la sentenza – definitiva – dell’adozione o dell’affidamento, è necessario che siano riportati – nella domanda stessa – tutti gli elementi necessari all’Inps per reperire tale documentazione presso l’Amministrazione che lo detiene.

Quando presentare la domanda e importo del bonus Mamma Domani

Per concludere si aggiungono altri utili dettagli per il Bonus Mamma. La domanda deve essere presentata dopo il 7° mese di gravidanza ed entro un anno dalla nascita o adozione. Si ricorda che l’importo del bonus è del valore di 800 euro per ogni bambino. L’Inps provvede direttamente a versare il bonus attraverso il mezzo di pagamento indicate dal richiedente.

Coloro che scelgano l’accredito su conto iban come mezzo di pagamento devono presentare anche il modello “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”, il SR163. Il Bonus Mamma, secondo l’art. 1, comma 352 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, non concorre alla formazione del reddito complessivo ed posto a carico del Bilancio dello Stato.

E dopo tutte queste spiegazioni, non ci resta che farvi tanti auguri per il futuro della vostra famiglia.

Disclaimer

Su benesseredonnaonline.it sono presenti articoli promozionali con lo scopo di vendita del prodotto sponsorizzato. Tutte le informazioni presenti sul sito hanno esclusivamente uno scopo informativo e possono essere modificate e/o rimosse in qualunque momento. Il sito benesseredonnaonline.it raccomanda di consultare il proprio medico prima di utilizzare un prodotto e non si assume alcuna responsabilità sul cattivo utilizzo che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate sulle pagine del sito stesso. <il sito benesseredonnaonline.it non può essere ritenuto responsabile circa la completezza, la veridicità e l’accuratezza del materiale pubblicato (incluse le opinioni di utilizzatori ed esperti estratte dai siti di vendita dei prodotti, da social network o forum) né per qualsiasi eventuale danno causato dall’utilizzo di tali informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*