Come sgonfiare la pancia velocemente: dieta con cibi ideali e tisane

Sgonfiare la pancia

Vediamo quali sono i rimedi per sgonfiare la pancia velocemente con una dieta appropriata.

Un problema comune tra le donne è quello dell’addome gonfio, provocato da vari fattori: dal fumo di sigaretta, ad una masticazione troppo veloce, ad un’alimentazione non sempre sana, allo stress. Non si tratta solamente di un problema estetico, ma anche e principalmente di una questione di benessere fisico.

Come sgonfiare la pancia velocemente: quale dieta seguire?

Per ottenere una pancia piatta in pochi giorni occorre seguire una dieta appropriata con dei cibi adatti. Quando si accusa gonfiore all’addome è preferibile mangiare dei cibi leggeri che agevolano lo smaltimento dei liquidi in eccesso nel corpo. Quindi via libera alle carni bianche come pollo, tacchino e coniglio; frutta come arance, ananas, kiwi, pompelmo, mele e pere; verdure ricche di fibre come finocchio e asparagi; cereali integrali.

Vanno invece evitati alimenti come fritture; salumi; pizze e focacce; pomodori; cavoli; bibite gassate; formaggi molli; legumi; caramelle e gomme da masticare in quanto fanno ingerire aria.

Una dieta ideale in questi casi prevede di mangiare 5 volte al giorno, di cui tre pasti principali e due spuntini. A colazione si può optare per una tazza di caffè o di caffè d’orzo con un paio di biscotti secchi; oppure una spremuta d’arancia non zuccherata, con due fette biscottate con marmellata biologica o miele. Chi ama il latte potrà bere una tazza di latte parzialmente scremato più un frutto. Gli intolleranti al lattosio possono sostituire il latte normale con quello di soia o riso, con qualche biscotto ai cereali integrali oppure gallette di riso.

Per il pranzo è preferibile mangiare pasta o riso integrale conditi con verdure, pesce fresco o tonno. I carboidrati possono essere sostituiti, con pollo, tonno al naturale o uova con un contorno di insalata o di verdura a scelta come carote o fagiolini lessi, melanzane o zucchine grigliate. Altre idee possono essere un piatto di bresaola con rucola e scaglie di grana, condito con olio e limone e il carpaccio di manzo con rucola e pepe.

cena sono consigliate carni bianche o pesce come merluzzo o nasello con contorno di verdure e pane integrale; oppure minestrone con 2 gallette di riso. Per quanto riguarda gli spuntini via libera alla frutta, e per gli amanti del salato un po’ di affettato di tacchino o pollo con due gallette di riso.

Occorre inoltre evitare di mangiare insieme cibi come carne, formaggio e uova ma scegliere uno di questi e associarli a pane integrale o altri prodotti da forno a base di cereali, sempre integrali. Secondo alcune scuole di pensiero, inoltre, la frutta consumata a fine pasto fermenterebbe nello stomaco provocando gonfiore. Quindi sarebbe preferibile consumarla lontano dai pasti.

È molto importante osservare, inoltre, la reazione del proprio corpo ai cibi: una dieta, infatti, non può mai essere adatta a tutti. In linea di massima vi sono cibi che sono più leggeri di altri, ma bisogna tenere conto anche se si soffre di colon irritabile o altri disturbi simili. Nei casi più delicati, o di disturbi persistenti, è chiaramente preferibile affidarsi ai consigli di un esperto quale può essere appunto un dietologo o un nutrizionista.

Tisane per sgonfiare la pancia

Anche le tisane possono essere un valido aiuto per la pancia gonfia. Prima fra tutte spicca la tisana al finocchio, considerato un alimento con ottime proprietà per eliminare il gonfiore addominale. La preparazione è davvero semplice: basta mettere dei semi di finocchio in acqua calda e lasciarli in infusione per circa 5 o 10 minuti; filtrare poi il liquido con un colino.

Anche il sedano ha un ottimo potere in caso di gonfiore. Basta prendere mezzo gambo e portare mezzo litro d’acqua in ebollizione; filtrare il tutto e bere l’infuso nel corso della giornata. Altre tisane si possono preparare con camomilla e semi di cumino; anice stellato e ananas che svolge anche un’azione bruciagrassi.

Anche i centrifugati possono essere efficaci in tal senso. Tra le varie ricette si propongono qui quello a base di pompelmo, cetriolo e menta. Gli ingredienti per prepararlo sono 5 foglie di menta fresca, un cetriolo senza buccia e la polpa di mezzo pompelmo. Un altro centrifugato semplice da preparare è quello con ananas, sedano e mele. Occorrono una mela, due fette di ananas e due gambi di sedano.

Oltre all’alimentazione, che svolge senz’altro un ruolo centrale per regolare il problema del gonfiore addominale, occorre prestare attenzione anche alle proprie abitudini. Il fumo di sigaretta, masticare chewing-gum e condurre uno stile di vita troppo frenetico o sedentario svolgono un’azione determinante in tal senso. A questo proposito è bene muoversi con camminate all’aria aperta, oppure praticare attività fisica con degli esercizi mirati.

Se non si ha tempo di andare in palestra niente paura, basta munirsi di un tappetino e fare alcune serie di addominali. Per avere qualche dritta su come svolgerli in maniera più corretta sul web si possono trovare tanti consigli utili.

Mantenersi in forma e avere uno stile di vita più sano sono senza dubbio due elementi fondamentali per mantenere la pancia piatta, in vista anche della fatidica prova costume.

Disclaimer

Su benesseredonnaonline.it sono presenti articoli promozionali con lo scopo di vendita del prodotto sponsorizzato. Tutte le informazioni presenti sul sito hanno esclusivamente uno scopo informativo e possono essere modificate e/o rimosse in qualunque momento. Il sito benesseredonnaonline.it raccomanda di consultare il proprio medico prima di utilizzare un prodotto e non si assume alcuna responsabilità sul cattivo utilizzo che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate sulle pagine del sito stesso. <il sito benesseredonnaonline.it non può essere ritenuto responsabile circa la completezza, la veridicità e l’accuratezza del materiale pubblicato (incluse le opinioni di utilizzatori ed esperti estratte dai siti di vendita dei prodotti, da social network o forum) né per qualsiasi eventuale danno causato dall’utilizzo di tali informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*