Come vedere chi visita il tuo profilo Facebook più spesso: trucchi per scoprire chi “spia”

Spia Facebook

Chi di noi non si è chiesto almeno una volta chi siano i visitatori più avidi di informazioni da trarre dal nostro profilo Facebook? Chi ci spia, chi si interessa di noi? Scopriamo insieme quali sono i trucchi per scoprirlo.

Viviamo nell’era dei social network, e questa è una realtà innegabile. Chiunque di noi ormai è parte di un certo numero di comunità virtuali, chi più attivamente chi meno: Instagram, Twitter, LinkedIn e, primo fra tutti, Facebook. Il regno di Mark Zuckerberg contava nel 2016 un numero di iscritti pari a 1,65 miliardi di utenti, quasi un sesto della popolazione mondiale! E le cifre sembrano aumentare progressivamente. Altro dato impressionate, dei milioni di iscritti su Facebook, ben il 66% tende a essere attivo sul social quotidianamente, sono in Italia in questa categoria rientrano 21 milioni di persone. Inoltre, sono ormai in molti a scoprire un tradimento coniugale proprio su social network come WhatsApp e, per l’appunto, proprio Facebook.

Facebook e privacy: chi può vedere le nostre informazioni?

Insomma, immaginare una vita senza social network oggi è difficile, se non impossibile. Nel tempo i rapporti sociali si sono evoluti in maniera tale da includere queste piattaforme virtuali in quasi ogni tipo di interazione umana (da quelle sentimentali a quelle professionali). Le modalità di comunicazione offerte su Facebook sono infatti in continua evoluzione: basti pensare che al classico like si è recentemente aggiunta la possibilità di mettere le reazioni ai post dei propri amici (gioia, tristezza, rabbia, sorpresa ecc.) e, facendo qualche altro passo indietro nel tempo, rispetto all’embrionale Facebook delle origini, è stata aggiunta la chat messenger; la possibilità di pubblicare post scritti e non solo fotografie; si sono aggiunte le foto di copertina alle tradizioni immagini profilo, e così via.

Il proprio profilo Facebook diventa quindi una sorta di biglietto da visita: si compone ti tutta una serie di informazioni che scegliamo di pubblicare (nome, età, titoli di studio, esperienze lavorative); di fotografie in cui compariamo e che rivelano le nostre abitudini, le nostre conoscenze, gli ambienti che frequentiamo; e di tutta una serie di informazioni che lasciamo di noi stessi in maniera indiretta: i like messi a certe pagine o personaggi pubblici, i commenti sotto i post di nostro interessi: tutti elementi che svelano il nostro modo di ragionare e le nostre idee.

Ma siamo davvero del tutto consapevoli di chi siano i soggetti cui diamo in pasto le nostre informazioni? La verità è che le informazioni pubblicate su Facebook sono, in linea di massima accessibili a chiunque – sia che il profilo sia pubblico che nel caso non lo sia –, dai nostri amici alle grandi multinazionali che le studiano per formulare le proprie offerte di marketing. Ma, bando ai complottismi, sono in moltissimi a chiedersi chi siano, tra lo sterminato numero di soggetti che vi hanno accesso, coloro che più spesso scelgono di visitare la loro bacheca per informarsi dei movimenti e delle novità che li riguardano. Quali i trucchi per scoprirlo?

Chi spia il tuo profilo Facebook più spesso?

La curiosità è un sentimento umano e comprensibile. Scoprire chi visita il tuo profilo Facebook più spesso può aiutare ad avere più chiari, ad esempio, i sentimenti che qualcuno prova per te, o anche, più banalmente, chi trova interessante la tua persona. Può essere sorprendente perché a volte sono i più insospettabili a cercarti nell’ombra senza dar adito ad alcun sospetto nella vita reale. Tuttavia c’è una verità che non può essere nascosta: le numerose app che promettono di darti questo genere di risposte non sono altro che una truffa.

Proprio a seguito della nascita di numerose applicazioni finalizzate allo scopo, gli stessi gestori di Facebook hanno diffuso la notizia che Facebook non fornisce a nessuno informazioni circa i soggetti che visitano un determinato profilo né sulla frequenza con cui ciò avvenga. Brutta notizia, mi rendo conto, ma infondo, solo fino ad un certo punto. Può far comodo sapere che nessuno ha il diritto di monitorare le nostre mosse su Facebook né di ricostruire i nostri desideri più nascosti. La privacy prima di tutto, no?

Diffidate perciò da queste applicazioni perché spesso sono soltanto portatrici di virus e quindi di problemi per il vostro computer. Se le aveste già scaricate, rimuovetele il prima possibile. Certe informazioni sembrano dunque destinate a rimanere nell’ombra – almeno per il momento –, tuttavia qualcos’altro lo si può scoprire: ad esempio, ci sono metodi per sapere chi segue i contenuti pubblici che diffondiamo in rete, in altre parole, chi sono i così detti follower di un certo profilo.

Per scoprire questa seppur diversa informazione rispetto all’originaria, basterà cliccare sulla voce xx persone sulla barra laterale sinistra della pagina del tuo profilo. Dopo di che comparirà una lista che comprende tutti gli amici di Facebook. A questo punto clicca su Altro, in alto a destra e seleziona la voce Persone che seguono gli aggiornamenti. Appariranno così tutti coloro che visualizzano i tuoi contenuti pubblici (foto, stati, video e link che condividi sulla tua bacheca). Forse non è molto, tuttavia è meglio di niente! Non ti dirà chi è interessato ai tuoi contenuti, ma quanto meno sarà possibile individuare chi certamente non lo è.

Disclaimer

Su benesseredonnaonline.it sono presenti articoli promozionali con lo scopo di vendita del prodotto sponsorizzato. Tutte le informazioni presenti sul sito hanno esclusivamente uno scopo informativo e possono essere modificate e/o rimosse in qualunque momento. Il sito benesseredonnaonline.it raccomanda di consultare il proprio medico prima di utilizzare un prodotto e non si assume alcuna responsabilità sul cattivo utilizzo che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate sulle pagine del sito stesso. <il sito benesseredonnaonline.it non può essere ritenuto responsabile circa la completezza, la veridicità e l’accuratezza del materiale pubblicato (incluse le opinioni di utilizzatori ed esperti estratte dai siti di vendita dei prodotti, da social network o forum) né per qualsiasi eventuale danno causato dall’utilizzo di tali informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*