Reflusso Gastroesofageo Dieta: menù d’esempio di alimentazione corretta e ricette sane

Reflusso gastroesofageo

Per tutti coloro che soffrono di reflusso gastroesofageo, queste festività natalizie forse non sono state proprio d’aiuto; un disturbo simile, infatti, può aggravarsi soprattutto nei casi in cui non si osservi una dieta sana ed equilibrata. Non sono necessari solo i medicinali per combattere questo tipo di fastidio, anzi spesso il rimedio più efficace è quello di seguire per quanto possibile un regime alimentare programmato e costante; in questo articolo illustreremo proprio a tal proposito un menù d’esempio di un’alimentazione corretta, descrivendo alcune delle ricette sane che troverete al suo interno.

Dieta per il reflusso gastroesofageo: ecco il menù d’esempio

Il reflusso gastroesofageo non è un disturbo grave, ma può essere comunque molto fastidioso e può influire anche in maniera sensibile nella vita di tutti i giorni; è un tipo di problema che consiste nel cattivo funzionamento dello sfintere esofageo inferiore, che causa lo spostamento dell’acido gastrico dallo stomaco, verso l’alto, nell’esofago. Questo porta a tutta una serie di fastidi come la sensazione di bocca amara e alito cattivo, bruciore e dolore al petto, tosse secca e raucedine, rigurgito di cibo ed esofagite. Il tipo di alimentazione influisce non poco su questo tipo di disturbo, perciò è sempre bene controllare cosa ingeriamo, per cercare di tenerlo sotto controllo. Vediamo allora a tal proposito un esempio di menù per la dieta per tutti coloro che soffrono di reflusso gastroesofageo. Innanzitutto è bene tenere a mente i cibi consentiti e quelli che invece sono da evitare; tra questi ultimi partiamo con l’escludere come prima cosa tutti i cibi fritti e le varie salse che spesso li accompagnano, soprattutto quelle piccanti e fortemente aromatizzate e speziate con pepe nero, aceto o peperoncino. Tra gli altri alimenti sconsigliati troviamo anche il latte intero, e suoi derivati grassi come la panna, l’alcool, il caffè e le bibite gassate.

Anche tra la frutta e verdura non tutte le tipologie sono consentite, da evitare ad esempio sono i pomodori, l’aglio e la cipolla, le patate quando fritte, i peperoni e funghi, oltre agli agrumi come arance, limoni e pompelmi, e mirtilli. Andando, quindi, anche per esclusione, ad ipotizzare un menù d’esempio per la dieta contro il disturbo gastroesofageo, per colazione bisognerebbe alternare nei diversi giorni, un cappuccino con latte scremato e alcuni biscotti senza glutine, o uno yogurt bianco magro con due kiwi e dei cereali, o ancora del caffè d’orzo con fette biscottate. Durante il pranzo alternate la pasta o il riso (non più di 80 gr) integrali e con condimenti leggeri, possibilmente senza pomodoro o peperoncino, o un minestrone ricco di legumi e senza patate; nei giorni in cui non mangiate la pasta o il riso, le verdure consigliate sono spinaci o lattuga con una porzione di carne o pesce che non superi i 150 gr. Prima della cena concedetevi uno spuntino leggero, magari una mela o uno yogurt, mentre alla sera prediligete una dieta ricca di verdure come zucchine e melanzane grigliate, cicoria o broccoli, insieme a delle uova (non più di due) o a della carne magra, se non l’avete assunta a pranzo.

Le ricette sane per un’alimentazione corretta contro il reflusso gastroesofageo

Abbiamo visto come il pesce bianco magro sia uno degli alimenti consigliati per chi soffre di reflusso gastroesofageo; una ricetta semplice e veloce è quella del merluzzo al prezzemolo: prendete 150 gr di merluzzo (o di sogliola) e infornatelo per una mezz’ora, oppure cuocetelo al vapore, evitando di condirlo precedentemente con intingoli o con dell’olio, che invece verserete a crudo una volta cotto, insieme ad un trito di prezzemolo, succo di limone e un po’ di sale. Anche la quinoa è un alimento consigliato tra le ricette sane per un’alimentazione corretta che aiuti a superare per quanto possibile il disturbo del reflusso gastroesofageo.

Per chi non ha idea di come cucinarla, ecco un pratico esempio: cuocete la quinoa e a parte degli spinaci o della cicoria; una volta pronti uniteli in una terrina e mescolateli insieme a dell’erba cipollina, parmigiano grattugiato, prezzemolo, timo e un pizzico di sale. Quando ne risulterà un composto omogeneo, allora bagnatevi le mani e formate delle palline, che disporrete su una teglia da infornare: ne risulteranno delle gustose ma leggere polpette di quinoa e spinaci. Per i più golosi ricordiamo che anche le patate sono ammesse (tranne quelle fritte) e con queste potrete sbizzarrirvi con tante ricette diverse, comprese quelle insaporite con rosmarino e origano e accompagnate da dadini di zucca e cotte al forno, o quelle lesse schiacciate insieme ad un uovo, del parmigiano e del prezzemolo tritano finemente, da ripassare poi in forno, con la forma delle patate duchessa.

Disclaimer

Su benesseredonnaonline.it sono presenti articoli promozionali con lo scopo di vendita del prodotto sponsorizzato. Tutte le informazioni presenti sul sito hanno esclusivamente uno scopo informativo e possono essere modificate e/o rimosse in qualunque momento. Il sito benesseredonnaonline.it raccomanda di consultare il proprio medico prima di utilizzare un prodotto e non si assume alcuna responsabilità sul cattivo utilizzo che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate sulle pagine del sito stesso. <il sito benesseredonnaonline.it non può essere ritenuto responsabile circa la completezza, la veridicità e l’accuratezza del materiale pubblicato (incluse le opinioni di utilizzatori ed esperti estratte dai siti di vendita dei prodotti, da social network o forum) né per qualsiasi eventuale danno causato dall’utilizzo di tali informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*