Si può rimanere incinta con il ciclo: ecco con quali probabilità

Incinta con il ciclo

C’è possibilità di rimanere incinte per via di un rapporto consumato durante il periodo mestruale? Vi diremo se la risposta è sì o no, e in caso affermativo con quali probabilità. Il tema è di fondamentale importanza per le ovvie drammatiche implicazioni di carattere morale, etico, emotivo che potrebbero scaturirne se si è poco e mal informati al riguardo. Scopriamo dunque insieme se la gravidanza è un pericolo concreto nonostante il ciclo nonché quali sono le eventuali probabilità di restare incinte durante il proprio periodo.

Sesso durante il ciclo: rischio gravidanza?

Durante il calcolo dei giorni fertili per rimanere incinta c’è una prima cosa che va assolutamente chiarita: rimanere incinta se si ha il ciclo, non è impossibile! In molte vivono credendo con fermezza a questo falso mito, il che è un grosso problema, perché porta ad assumere atteggiamenti più lassisti e incoscienti rispetto al solito con riferimento alle normali precauzioni che prendiamo tutte per evitare una gravidanza indesiderata. Questo non può e non deve succedere.

Sebbene le probabilità di rimanere incinte sono più basse, per via del differimento della fase dell’ovulazione rispetto al momento in cui il rapporto si consuma, non si può avere la certezza che il corso degli eventi non possa sorprenderci. Se dunque un’eventuale “sorpresa” sarebbe più che altro una catastrofe – in altre parole, se una gravidanza è l’ultima cosa di cui avete bisogno – è assolutamente necessario continuare a fare affidamento sui metodi contraccettivi che adotteremmo per qualsiasi altro rapporto sessuale – preservativo, spirale, pillola –.

Quante probabilità ci sono di rimanere incinta con il ciclo?

Cerchiamo di capire in quali casi il rischio di gravidanza si concretizza nonostante le mestruazioni e perché. Per fare ciò, può essere utile fare una piccola premessa che spieghi, senza pretese di esaustività, quali sono i periodi di maggiore fertilità per le donne e come sono relazionate al periodo mestruale. Il primo giorno di mestruazioni rappresenta il momento di inizio del ciclo mestruale, che, normalmente, dovrebbe durare 28 giorni. A parte le fortunate che godono di un’assoluta regolarità, ci possono essere oscillazioni della durata del ciclo che vanno dai 24 ai 35 giorni – naturalmente al di fuori dei casi patologici –. Per quanto riguarda le mestruazioni vere e proprie invece, esse possono durare dai 3 ai 7 giorni.

Le mestruazioni consistono in una sorta di “prova” della non avvenuta fecondazione: la perdita di sangue è infatti dovuta allo sfaldamento dell’endometrio, lo strato dell’utero finalizzato a incanalare il nutrimento dell’ovulo fecondato. È dunque solo in assenza di ovuli fecondati che esso si sfalda per ricostituirsi successivamente dalla propria parte basale che rimane intatta – ecco spiegato perché nelle donne incinte non si verificano le mestruazioni –. La fase del ciclo in cui l’endometrio ricresce – ad opera degli estrogeni – rappresenta il culmine della fertilità della donna. L’ovulazione, che, di solito, avviene intorno al quattordicesimo giorno del ciclo.

Sembra dunque chiaro il perché è più complesso restare incinta durante il periodo mestruale: durante il ciclo, gli spermatozoi non trovano le condizioni adatte per raggiungere la tuba che li condurrà all’incontro con gli ovociti, e al miracolo della vita. Tuttavia, come anticipato e raccomandato caldamente, non è certo il caso di sentirsi liberi e tranquilli al punto di non prendere precauzioni in questa fase. Si è detto infatti che l’ovulazione – periodo di maggiore fertilità per le donne – si colloca, normalmente, intorno al quattordicesimo giorno del ciclo mestruale.

Si è anche detto che, in certi casi, le mestruazioni potrebbero avere una durata di 7 giorni circa. Ebbene, se si verificassero queste due premesse e si avesse un rapporto a rischio proprio il settimo giorno di mestruo, il pericolo è che gli spermatozoi possano sopravvivere prima di raggiungere gli ovociti fino al momento dell’inizio dell’ovulazione, quando le condizioni per arrivare alla tuba sono ottimali. Si è infatti dimostrato che gli spermatozoi possono sopravvivere fino a una settimana prima di fecondare gli ovuli!

Alla luce di quanto spiegato, paradossalmente è più improbabile rimanere incinte se il rapporto a rischio lo si consumasse prima dell’inizio delle mestruazioni piuttosto che in uno dei giorni finali delle stesse, per via della maggiore lontananza temporale del rapporto dalla fase di ovulazione. È dunque chiarito che non vi è modo di escludere la possibilità di una gravidanza per il solo fatto di avere le mestruazioni, cerchiamo quindi di prestare attenzione soprattutto al più “pericoloso” momento in cui dovrebbe avvenire l’ovulazione. Avere rapporti con il proprio partner durante il ciclo può essere un piacere a cui non voler rinunciare, evitiamo però anche di rinunciare all’intelligenza nel divertirci.

Disclaimer

Su benesseredonnaonline.it sono presenti articoli promozionali con lo scopo di vendita del prodotto sponsorizzato. Tutte le informazioni presenti sul sito hanno esclusivamente uno scopo informativo e possono essere modificate e/o rimosse in qualunque momento. Il sito benesseredonnaonline.it raccomanda di consultare il proprio medico prima di utilizzare un prodotto e non si assume alcuna responsabilità sul cattivo utilizzo che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate sulle pagine del sito stesso. <il sito benesseredonnaonline.it non può essere ritenuto responsabile circa la completezza, la veridicità e l’accuratezza del materiale pubblicato (incluse le opinioni di utilizzatori ed esperti estratte dai siti di vendita dei prodotti, da social network o forum) né per qualsiasi eventuale danno causato dall’utilizzo di tali informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*